I PROGETTI

Documentazione inerente alla progettualità territoriale del CRT "Teatro-Educazione".

INDICE

- Festival TeDeiRà

- Festival delle Diversità Espressive

- Festival del Sacro

- Progetti realizzati in collaborazione con il "Piccolo Teatro Cinema Nuovo di Abbiate Guazzone-Tradate (VA)". Progetto "Teatro-Educazione" - "Una sala per la Comunità". Dall'anno 2008-2009 all'anno 2013-2014.

******************

FESTIVAL TeDeiRà anni 2015-2016-2017-2018 (in corso)

Festival TeDeiRà - Teatro DEI Ragazzi” è un progetto culturale che si propone di divulgare la cultura espressiva, teatrale e performativa fra le giovani generazioni, offrendo alle scuole, agli oratori, ai gruppi extrascolastici, alle diverse esperienze e progettualità di Educazione alla Teatralità rivolte ai ragazzi del territorio non solo uno spazio scenico in cui rappresentare. É promosso dall'Istituto Comprensivo G. Bertacchi di Busto Arsizio e patrocinato dalla Città di Busto.

V Edizione anno 2019
-
TeDeiRa'_2019_-_Bando

- TeDeiRa'_2019_-_Locandina

IV Edizione anno 2018
-
TeDeiRa'_2018_-_Bando

- TeDeiRa' 2018 - Locandina
- TeDeiRa'_2018_-_Brochure_laboratori_genitori-figli
- TeDeiRa'_2018_-_Presentazione_Laboratori_genitori-figli
- TeDeiRa'_2018_-_Laboratorio_adulti
Progetti Creativi
-
TeDeiRa'_2018_-_Programma_5_Maggio_2018
- TeDeiRa'_2018_-_Programma_12_Maggio_2018

Locandina  - Brochure_laboratori - Presentazione_Laboratori

Il diario della manifestazione: 

III Edizione anno 2017
Bando di partecipazion 2017

- Locandina 
- Programma
-  Brochure laboratori
- Programma  22 aprile 2017 - Programma 6 maggio 2017

II Edizione anno 2016
- Locandina
- Brochure - Abstract Workshop - Programma di sala 30 aprile 2016

I Edizione anno 2015
- Locandina 
- Programma 16 maggio 2015
  

******************

FESTIVAL delle Diversità Espressive anno 2017 (in corso)

Il Festival delle Diversità Espressive è un progetto che si distingue non solo perché considera le arti espressive come strumento per costruire cultura e protagonismo sul territorio ma perché la promozione avviene attraverso servizi, associazioni, cooperative che si occupano di persone disabili e che racchiudono in sé il valore stesso della cultura dell’inclusione. Le arti (danza, musica, performance, video, scrittura, manipolazione dei materiali, teatro) sono strumenti di grande fascino, che permettono di comunicare cultura in maniera semplice e diretta. Allo stesso tempo aggiungono alla diffusione della conoscenza un plus valore notevole, dato dalla loro capacità di coinvolgimento e dall'efficacia del loro linguaggio.

La prima edizione del Festival è stata organizzata in collaborazione con l'Associazione "Volare Insieme" di Vanzaghello in rete con altri servizi e associazioni del territorio. L’iniziativa ad ampio respiro ha come obiettivo la sua formalizzazione in un piano di lavoro e proposte più articolate, aperto al territorio in maniera più progettuale, che coinvolga più enti e associazioni e stabile nel tempo.

 
I Edizione 2017:
Manifesto - Calendario aprile-giugno 2017
- Performance maggio-giugno 2017 Locandina
- Letture Animate maggio 2017  Letture maggio 2017
- Progetto Scolastico Riciclandia Riciclandia mostra e spettacolo
- Serata di performance Performance_19_maggio_2017
Serata di performance Performance 14 giugno 2017
- Giornata delle Arti Volantino 15_ottobre__2017
- Tavola rotonda e giornata finale: "Le Arti espressive. Creatività individuale e legami di comunità" 16 dicembre 2017 - Locandina - Volantino
 
La seconda edizione del Festival, denominata Diversamente Festival, è stato sviluppato nei Comuni di Fagnano Olona e Gorla Maggiore in provincia di Varese ed è stata organizzata in collaborazione con: Anaconda Cooperativa Sociale Onlus di Varese; Compagnia Teatrale I Placidi e Apda-Gruppo Mani Aperte di Arconate; La compagnia dell'aglio; Fondazione G Costantino RSD L'Airone; Il Granello Don Luigi Monza Cooperativa Sociale di Cislago; Centro Socio Educativo L’Albero del Sorriso di Senago; Associazione Motiv-Azione e il Micro Asilo Nido Il Grillo Parlante di Fagnano Olona; Associazione Voi siete qui di Biandronno; La Ruota; Gruppo musicale Butterlies Mass Effect; Associazione di volontariato Gocce nell’oceano O.N.L.U.S. di Telgate (BG); Centro Diurno Disabili CISAS SERVIZI di Oleggio.

                                                        ******************

FESTIVAL DEL SACRO - anno 2015 - 2017 (in corso)

Il Festival del Sacro si propone di riflettere su temi della società contemporanea mettendo al centro le problematiche e i bisogni dell’“essere uomo” nel rapporto tra fede e laicità. Le iniziative si propongono di attivare un dialogo con la cittadinanza tramite le arti espressive, strumenti di promozione sociale e culturale.
 

II Edizione 2017 "Tra sacro e profano"
22 ottobre - 27 ottobre - 11 novembre - 18 novembre 2017
Volantino - Locandina

I Edizione 2015 "Dov'è il sacro? I valori di oggi"
29 maggio - 12 giugno 2015
Volantino  - Locandina - La mostra del Sacro (parte 1) (parte 2)
Le brochure degli appuntamenti 

Inaugurazione (29 maggio 2015)
4 Giugno 2015
- 8 giugno 2015 
12 giugno 2015

 
******************

PICCOLO TEATRO CINEMA NUOVO                                                       di Abbiate Guazzone -Tradate (VA) anni 2008-2014

Il progetto Teatro Educazione si presenta come un progetto ad ampio respiro che si propone, oltre che come strumento di educazione, anche come invito a seguire ed eventualmente a coinvolgersi in una realtà ricca e complessa come quella teatrale. Nel nostro secolo, la funzione del teatro è, a poco a poco, andata modificandosi. Oggi assumono un’importanza maggiore lo stesso attore e il pubblico in qualità di uomini al centro della scena e al centro della propria vita. Sono sottolineati, cioè, il contesto all'interno del quale una rappresentazione teatrale è proposta: il recupero umano, sociale e culturale dell’arte che incide sulla comunicazione, sulla realizzazione, nonché sulla qualità della vita dell’uomo. Nasce, allora, un nuovo concetto di teatro che si pone come principale obiettivo l’educazione al e del teatro stesso. L’educazione teatrale comprende due aspetti complementari:  

- l'educazione alla comprensione dello spettacolo, per una ricezione critica dell’evento che sappia distinguere immagini e realtà e che sappia riconoscere i diversi linguaggi e aspetti peculiari della storia del teatro;

- l'educazione all'azione scenica, soprattutto come capacità dell’individuo di essere presente e razionalmente consapevole di sé sulla scena, del contesto in cui si inserisce la propria azione e del messaggio che si vuole trasmettere al pubblico con la medesima azione teatrale.

Premessa indispensabile è quella per cui sia il teatro sia l’educazione possiedono alcune finalità comuni; infatti sono entrambi ambiti aperti all'aspetto della creatività e al recupero della piena espressività individuale, pur non rendendo il teatro uno strumento privo di valore artistico e fine a se stesso. Secondo una visione pedagogica, l’attività teatrale possiede obiettivi che facilitano la comunicazione e la relazione interpersonale quotidiana. La pedagogia teatrale diventa una ricerca consapevole dell’individuo per acquisire padronanza nell'uso delle sue risorse. Quindi una pedagogia teatrale è una pedagogia del vissuto  individuale che tende a ridare valore al teatro, inteso come strumento fondamentale e costruttivo per lo sviluppo integrale della persona. Il teatro appartiene all'esperienza vissuta, della ricerca del senso e dell’espressione. Il soggetto, attraverso una pratica personale data dal laboratorio teatrale, viene lasciato libero di esplorare, sperimentare e scegliere all'interno della propria realtà personale. In virtù di questo, il soggetto nel teatro impara partendo da ciò che compie direttamente e integra la riflessione teorica con la pratica. Il teatro diventa uno strumento vivo di conoscenza, di scoperta di sé e dell’ambiente, di interrogazione e ricerca più che un risultato o una risposta a specifiche tecniche. Il laboratorio teatrale diventa un luogo di sperimentazione di sé dove poter raggiungere un buon grado di consapevolezza di se stessi di conoscenza dei propri limiti e di potenzialità all'interno di un’esperienza di gruppo (in un contesto non giudicante o selettivo). Il teatro diventa un processo educativo dal momento che implica un lavoro del soggetto su se stesso, porta a riscoprirsi in qualità di persone e di uomini all'interno di una società. Il lavoro di scoperta di sé parte dall'allenamento all'ascolto, dallo sviluppo dello spirito d’osservazione del proprio corpo, delle proprie emozioni e del mondo in cui si vive. Il teatro, dal punto di vista educativo, si pone l’obiettivo di recuperare l’originalità e la potenzialità espressiva naturale di una persona in modo da rendere il soggetto non imitatore passivo della realtà ma soggetto consapevole e critico rispetto alle proprie capacità di adeguamento e di trasformazione della realtà.

Stagione 2013-2014

settembre-dicembre 2013 / gennaio-giugno 2014  / settembre -dicembre 2014

 

Stagione 2012-2013

ottobre-dicembre 2012 / gennaio-marzo 2013 / aprile-giugno 2013

 

Stagione 2011-2012

Manifesto 2011-2012 / ottobre-dicembre 2011

 

Stagione 2010-2011

Volantino generale    Volantino aprile -giugno 2011

Il Giornale del Piccolo Teatro: 

N. 1 - novembre 2010 / N. 2 - gennaio 2011 / N.3 - aprile 2011

 

Progetto Danza   Rassegna Cislago  Rassegna Opera e Musica

Giornate di formazione 

 

Francesca_da_Rimini

Progetto Teatro e Risorgimento: 

1861 >2011 >> 150° anniversario dell’Unità d’Italia

Francesca da Rimini - 6 maggio 2011

La mostra: Teatro e Risorgimento. Tommaso Salvini. Alle origini del Teatro nazionale italiano

 

Stagione 2009-2010

Volantino   Rassegna Teatro e Danza 

Rassegna Teatro e scienza Teatro e spiritualità

 

Stagione 2008-2009

Il libretto / Il pieghevole / Campus estivo di formazione

Inaugurazione Martedì 23 settembre 2008

 

Centro di Documentazione
Educazione alla Teatralità
Scuola C.R.T.
Convegni
Saggi e Articoli
I progetti culturali
Festival Valle Olona
Le performances
Chi siamo - Contatti
.
Site Map